CreatiVEmu

 

History

Hong Kong, 1981. Alla VTech, emergente fabbrica di giochi elettronici, si decide di cavalcare l'onda del videogame casalingo realizzando un originale sistema con lo scopo di demolire il predominio di Atari e Mattel che, con i loro VCS 2600 ed Intellivision, avevano invaso i mercati di tutto il mondo e realizzato introiti da capogiro.

L'idea in sè è geniale: offrire quello che i concorrenti non hanno, ovvero la possibilità di programmare su una console da videogioco, dotandola di una tastiera e vari accessori quali registratore a cassette, floppy-disk drive, modem, stampante ed espansioni di memoria. Storicamente non si tratta del primo "ibrido" computer/console: già l'americana APF nel 1980 aveva prodotto la "Imagination Machine", una console che poteva essere espansa fino a diventare un home computer completo di tutto.

Il progetto CreatiVision è molto ambizioso e prevede l'impiego di hardware recentissimi quali la neonata CPU Rockwell 6502A a ben 2MHz, un processore grafico TMS9929 (TMS9918 per la versione NTSC) di Texas Instruments capace di gestire fino a 32 sprites alla bella risoluzione di 256x192 pixel a 16 colori, ed un processore audio sempre Texas Instruments modello SN76489, capace di produrre suoni su 3 canali mono più un canale aggiuntivo per il rumore bianco. Insomma, una macchina così potente non s'è ancora vista per il mercato casalingo - nè per quel che riguarda le console da gioco, nè sul timido mercato degli home computer, che stava appena nascendo.

Questa meraviglia tecnologica costerebbe carissima se la base di sviluppo fosse una ricca fabbrica statunitense o europea... ma il fatto di avere le linee produttive nella economica Hong Kong ha l'innegabile vantaggio dell'abbattimento dei costi di produzione. Per questo, al momento della messa in commercio, il CreatiVision ha un prezzo molto contenuto, perfino paragonandolo a sistemi ormai "obsoleti" quali l'Atari 2600 ed il Mattel Intellivision.

Fatto l'hardware, bisogna ora pensare al parco software da presentare al momento del lancio del sistema. Anche qui, con una logica di limitazione dei costi, si impiega il metodo più economico ma meno ortodosso, seppure parecchio in voga nei primi anni '80: la copia spudorata di titoli di grande successo, cambiando leggermente la grafica ed i nomi, senza però riconoscerne i diritti d'autore.

Ecco dunque che appaiono titoli quali Police Jump (Donkey Kong), Sonic Invader (Space Invaders), Planet Defender (Defender), Auto Chase (New Rally-X), Mouse Puzzle (Loco-Motion), etc. Tra questi, curiosa è la storia di Crazy Pucker (distribuito anche col nome Crazy Moonie e Crazy Chewy), un palesissimo clone di Pac-Man, in seguito ritirato dal mercato e distribuito in versione modificata in cui il protagonista diventa una gallina che riempie il labirinto di uova, inseguita da alcune volpi... il tutto al posto del giallo e tondo protagonista che mangia puntini inseguito da fantasmi.

Nella prima metà del 1982 il CreatiVision viene immesso sul mercato ad Hong Kong ed in pochi mesi raggiunge le nazioni europee (Italia, Germania, Austria, Svezia, Svizzera) ed il Sud Africa, dove viene commercializzato col proprio nome originale. In Australia e Nuova Zelanda viene venduto tramite l'importante catena di elettrodomestici Dick Smith Electronics, che invece lo battezza "Wizzard", mentre in Israele viene venduto (attualmente non siamo certi del nome del distributore) come "Educat 2002".

Le versioni distribuite sono tutte identiche e prodotte completamente a Hong Kong (comprese le scatole ed i manuali nelle varie lingue) e sono accomunate dal fatto di essere tutte destinate al sistema televisivo PAL. Fa eccezione il Giappone, unica nazione in cui viene distribuita una versione NTSC, oggi particolarmente rara e richiesta dai collezionisti. Rimane un mistero la versione venezuelana (NTSC), per cui non è dato sapere se si trattasse di un prodotto per la vendita o di un prototipo pre-produzione.

Di seguito la lista completa dei distributori nelle varie parti del mondo:
- Australia e N.Z.:  Dick Smith Electronics, Hanimex, Bente International Pty Ltd.
- Austria:  Spiel-Sport Stadlbauer
- Germania:  Sanyo Video GmbH
- Giappone:  Cheryco
- Israele:  Educat-Development and Marketing of Learning systems Ltd.
- Italia:  Zanussi Elettronica
- Repubblica Sudafricana:  Telefunken MicroTek
- Svezia:  Elof Hansson
- Svizzera:  I. M. Rosengarten

Il CreatiVision viene accompagnato da una campagna pubblicitaria di tutto rispetto in cui vengono continuamente osannate le straordinarie potenzialità dell'hardware, si fanno paragoni con il Commodore Vic-20, l'Atari 400 ed il Radio Shack TRS-80, si mostrano belle schermate dei giochi in azione e la ricca schiera di periferiche opzionali - molte delle quali non vedranno mai la luce e resteranno solo a livello di "mock-up".

In Australia il Wizzard viene accolto con gran successo, grazie anche alla popolarità dell'eccentrico imprenditore Dick Smith ed all'ampia presenza dei suoi supermercati dell'elettronica in cui il sistema veniva venduto in esclusiva. Alla Dick Smith Electronics non ci si occupa solo di vendere console ma anche di produrre software (giochi e utility) su cassetta, da vendere a basso costo ai numerosi possessori della cartuccia del BASIC e del registratore a cassette. Viene inoltre creata una nuova linea editoriale tramite cui vengono pubblicati diversi libri di programmazione che riscuotono un grande successo. La Dick Smith Electronics si occupa del Wizzard fino al 1985, anno in cui ne abbandona le sorti, lasciando spazio alla concorrente Bente che ottiene la licenza dalla VTech per distribuire il CreatiVision ed il suo software in versione originale - non Wizzard!

Solo in Giappone si hanno notizie di scarsissimi risultati nelle vendite. Forse il già ricco mercato nipponico non ha spazio o guarda con diffidenza verso questo nuovo ibrido proveniente da Hong Kong.

Nell'ottica di scambiare conoscenze tra i vari appassionati di questo emergente computer, nascono qua e là alcuni fan club, di cui il principale è il "CreatiVision Club" avente come base Hong Kong presso la stessa sede della VTech. Gli abbonati ricevono una newsletter periodica e possono usufruire di notevoli sconti per le riparazioni e l'acquisto di software. Dopo la messa in commercio della serie di home-computer Laser, il fan club cambia nome in "Laser Computer Club" ed apre filiali in altre nazioni, tra cui l'Italia.

Un altro fan club di notevole importanza ha base a Melbourne (Australia) e si chiama "Wizzdom". Il suo fondatore, Barry Klein, scrive una interessantissima newsletter trimestrale, usando la propria macchina da scrivere e tanta fantasia. I contenuti sono prettamente tecnici ed affrontano aspetti "ingegneristici" del CreatiVision/Wizzard. Wizzdom vive tra il Gennaio 1984 e la prima metà del 1985, mentre il fan club ufficiale "Laser" continua ad esistere almeno fino al 1988.

Probabilmente per tentare di rivitalizzare le vendite non proprio eccellenti, nel 1983 la VTech cambia nome e forma al CreatiVision. Nascono tre nuove versioni, tutte destinate al mercato australiano e neozelandese: Rameses (che viene venduto tramite Hanimex), Funvision (venduta da Dick Smith) e VZ-2000 (forse per il mercato francese). Queste hanno forma diversa dal "vecchio" CreatiVision, ma ne condividono l'hardware. Unica eccezione: non appare il logo "CreatiVision" sulla TV all'avvio dei giochi, cioé viene rimosso dal BIOS della console. Le nuove console hanno anche la stessa forma ma diverse colorazioni e adesivi ed hanno uno slot cartucce differente da quello del CreatiVision, per impedire l'uso dei "vecchi" giochi sulle nuove console.

Poco dopo alla VTech ci si prepara per una nuova sfida: andare oltre il videogame e dedicarsi esclusivamente al nascente mercato dell'home-computing. Viene prodotta una nuova linea di computer, chiamati "Laser", che vedono una discreta diffusione grazie ai prezzi particolarmente contenuti ed un hardware ben consolidato (solitamente basato sullo Zilog Z80).

Anche il CreatiVision subisce questa nuova scelta dell'azienda, e viene messo in commercio il "CreatiVision Mark-II". In realtà altro non è che una revisione dell'hardware per renderlo compatibile con nuove periferiche (mai rilasciate) ed un nuovo loghino tricolore. In alcuni modelli viene inoltre aggiunta la scritta: "Laser 500". Con questo stratagemma si cerca di cancellare per sempre l'eredità "giocosa" della VTech, spacciando la console per un nuovo computer.

L'ultimo capitolo di questa storia vede protagonista il Laser 2001, commercializzato a partire dalla seconda metà del 1983 ed erede naturale del CreatiVision, con il quale condivide gran parte dell'hardware e la compatibilità delle cartucce-gioco. Gran parte di queste vengono ripubblicate con nuove scatole recanti la scritta "Laser 2001" e grafica coordinata.

Di notevole interesse è l'adattatore per giocare i titoli ColecoVision, più volte annunciato per CreatiVision ma che viene infine prodotto per il Laser 2001. Pochi esemplari vengono venduti in Finlandia, dove il computer viene distribuito dalla Salora col nome di "Manager". Una descrizione completa di questa periferica è disponibile al web-museo Pelikonepeijoonit. Tuttora non si hanno prove certe dell'esistenza di una versione compatibile col CreatiVision, anche se il modulo viene menzionato tra le periferiche compatibili con il modello Mark-II.

 

Questo articolo è interessante? Clicca qui per leggerlo in inglese!

click to enlarge
click to enlarge
click to enlarge
click to enlarge
click to enlarge
click to enlarge
click to enlarge
click to enlarge
click to enlarge
click to enlarge
click to enlarge